Paradossi digitali

Share with:


para 1Paradosso nr.1

IL WEB NON CI FA PROGREDIRE. 

Parte della nostra memoria, i nostri documenti, le nostre foto, i video, sono virtualmente custoditi in rete ma sono scomparsi dalla nostra mente se non come indicizzazione dei relativi percorsi. Abbiamo perso parte della capacità linguistica per migliorare quella iconica. La velocità delle informazioni richieste e inviate in rete è per noi incontrollabile, non riusciamo a catalogarle se non rassegnandoci ad essere costantemente online. 

 

Paradosso nr. 2

IL WEB UCCIDE LA FANTASIA

Nonostante i videogiochi abbiano raggiunto un livello impressionante, la giocabilità sia estremamente sofisticata, i gusti stimolati e accontentati prontamente, la risposta emotiva del soggetto è assai scontata. Non c’è spazio per la fantasia.

Anche il template pronto all’uso facilmente scaricabile e applicabile ci presenta un web dominato da una forma globale e asfissiante. La creatività del singolo ha bisogno inoltre di un tempo impensabile al mondo dei bit. Può essere potenziata ma non sostituita. Eppure la tentazione di sostituire l’uomo imperfetto con una macchina perfetta colpisce studenti, professionisti e politici.

 

Paradosso nr. 3

IL WEB E’ IL NULLA

Pochi ci pensano ma passiamo ore e ore nel mondo del nulla, un mondo finto caricato di realtà, caricato di iperrealtà. La verità di internet diventa più vera della verità e finiamo sovente a dubitare del mondo di carne. Qualsiasi definizione di web è falsa, perché sfugge ad ogni classificazione.

 

Lascia un commento