Sono solo barbaggianate

Share with:


“Prof come va? Tra poco torniamo in classe. E’ pronto per iniziare?”

Così un mio studente di quarta mi ha ricordato che l’attesa non è una condanna, uno stato d’ansia da cui fuggire. L’attesa ci mette in corrispondenza di qualcosa o di qualcuno e ci permette di prepararci all’incontro. Quale incontro?

Nel film d’animazione La spada nella roccia, il personaggio di Mago Merlino non è soltanto divertente è anche altamente istruttivo. Per le sue qualità, la sua conoscenza e il suo metodo pedagogico (è chiaramente un’attivista) potrebbe benissimo organizzare corsi di formazione per insegnanti. Ciò che contraddistingue il suo approccio è la dimensione storica della sua azione educativa, è consapevole che una persona ben formata avrà un ruolo fondamentale nella crescita collettiva. Per questo in lui si genera un sentimento di attesa.

Merlino: Te l’ho detto Anacleto! Non ne sono sicuro…So soltanto che deve arrivare qualcuno…Una persona molto importante.
Anacleto: Barbaggianate!
Merlino: Il destino lo guiderà fino a me perché io possa a mia volta guidarlo al suo legittimo posto nel mondo!
Anacleto: Ah…E dici che arriverà fra mezz’ora?! BENE, BENE…LO VEDREMO!
Merlino: Lo vedrai, Anacleto. Lo Vedrai.

Anacleto è sempre dietro l’angolo, pronto ad abbassare il livello della nostra relazione, del nostro essere con gli altri, pronto a ridimensionare la nostra tensione educativa. In fondo sono solo barbaggianate! Non esistono persone importanti, non esistono incontri che possono cambiare la vita. Ma allora a che servono gli insegnanti? Se manca quella tensione, quell’attesa, aspettare l’arrivo di qualcuno che non conosciamo (sfido qualsiasi collega ad affermare di conoscere definitivamente i propri alunni) allora siamo barbagianni che allevano i barbagianni!

Tra poco iniziamo. Chissà chi incontrerò quest’anno? Il destino chi porterà sulla mia strada? Riuscirò a caricarmi della responsabilità di essere la sua guida? Sarò in grado di indicargli la strada? Troverà il suo posto nel mondo?

Lo vedrai, Anacleto. Lo Vedrai.

Lascia un commento