Informativa breve sull'uso dei cookie

Questo sito usa cookie di sessione tecnici, funzionali alle attività del sito; questi cookie vengono cancellati al termine della sessione di lavoro. I cookie possono essere sia propri sia di terze parti.

Cliccando sul link della policy sui cookie potrai accedere all'informativa estesa, che riporta la spiegazione di che cosa sono i cookie, il dettaglio sui cookie usati da questo sito, le istruzioni eliminare selettivamente ogni cookie. Se prosegui la navigazione senza esprimere il consenso, nessun cookie sarà registrato, ma saranno possibili malfunzionamenti.

 

Elogio del genitore imperfetto

nemoDurante le ferie aumenta il tempo di condivisione con i figli: mare, montagna, parco, casa, etc.

Durante le ferie aumenta in modo proporzionale al tempo di condivisione il livello di insofferenza verso i figli.

Durante le ferie aumenta in modo geometricamente progressivo la manifestazione dell'imperfezione dei genitori.

 

Ed è un bene, perché obbliga a riportare sul pianeta terra il terribile genitore narcisista, quello che deve dare felicità a suo figlio, quello che deve saturare tutti i suoi bisogni magari iperstimolandolo. Il genitore narcisista è un seduttore, cerca di portare il bambino a sé (se-ducere) per compiacerlo, per compiacersi. Rinnega il suo compito educativo, quello di tratte fuori dal figlio le sue potenzialità (ex-ducere).

Vorrei dunque consigliare a tutti i genitori imperfetti (come me) che passare il tempo con i propri figli è alla base del processo di umanizzazione, quella funzione imprescindibile che trasmette la forma, ricordando con Aristotele che l'uomo è zòon lògon èchon (animale avente il logos, cioè che dice e pensa).

Se anche durante le vacanze non avete sopportato i vostri figli e i vostri figli non hanno sopportato voi, cogliete questa occasione per pensare e parlare, magari in modo umano, stupendamente imperfetto.

2019  Profcirillo  globbers template joomla